Preti gay in chat “Preghiamo, successivamente facciamo una atto a tre?”. In un documentazione ancora religiosi di diocesi pugliesi

Preti gay in chat “Preghiamo, successivamente facciamo una atto a tre?”. In un documentazione ancora religiosi di diocesi pugliesi

“Da quando sono scaldaletto ortodosso sai quanti preti cattolici mi cercano?” “Vieni, dormi nel mio letto. Il probo autore fausto dice in quanto l’ospite e Cristo”. Sono solo alcuni stralci tratti dagli screenshot contenuti nel documentazione sui preti pederasta, depositato alla cancelleria di Napoli dall’escort-gigolo Francesco Mangiacapra.

Conversazioni inequivocabili nelle quali emerge una esercizio assai diffusa di frequentazioni e scambi di immagini hard nelle piuttosto svariate chat WhatsApp, Messenger, Telegram e nelle app in incontri gay che Grindr. Nei messaggi si parla apertamente di numerosi altri religiosi oltre ai approssimativamente 50 comparsi nel fascicolo di Mangiacapra. Lo scandalo, dunque, potrebbe perfino ampliarsi. Il fascicolo di 1300 pagine contiene nomi, cognomi, telefoni, contatti, fatti e soprattutto prove un vero e proprio attestazione cosicche “scheda” di piu cinquanta tra sacerdoti e seminaristi viziosi. L’escort intende dimostrare che la condotta sessuale di questi preti e abituale, reiterata e – in molti casi – tollerata dai vertici della Chiesa.

Non mancano religiosi di parrocchie e conventi pugliesi. Ci limiteremo per indicare l’iniziale del stirpe.

Le schede

Don F. (provincia Bat) indagine incontri di erotismo mediante uomini e dichiara di poterli ricevere e custodire in cenobio di nuovo in convenire sessualita (essendo addirittura papa custode). Propone incontri di sesso di gruppo in chiostro in cui dichiara di usare della partecipazione di un padre dell’Arcidiocesi di Bari Bitonto. Conversazioni erotiche tramite Faceb k mediante un prete ortodosso verso cui confida di abitare sessualmente dinamico. Altre conversazioni in cui dichiarandosi padre invita ad sentire rapporti sessuali e invia ritratto dei propri genitali.

Don G. (provincia di Bari) fa videochat erotiche masturbandosi, fa incontri omosessuale, si esibizione asciutto in webcam e invia rappresentazione erotiche ove si masturba in chat.

Babbo T. (provincia di maniera) fa videochat erotiche masturbandosi riguardo a Faceb k, invita verso contegno incontri gay mostrandosi asciutto in webcam e si masturba in chat.

Caposcuola L. (provincia di Foggia) fa videochat erotiche masturbandosi verso Faceb k, fa incontri pederasta e si esibizione arido in webcam.

Seminarista S. (provincia di Bari) ha diversi profili sulla chat durante gay denominata GRINDR, fa incontri lesbica in Puglia, si masturba abitualmente in webcam, propone incontri e rappresentazione erotiche che invia in chat e afferma di distruggere le conversazioni e chiede di adattarsi nello stesso numero all’interlocutore. Cio dimostra la calcolo e la reiterazione della sua condotta e la piena avvedutezza dell’inadeguatezza.

Seminarista M. (provincia di Bari) ha diversi profili sulla https://datingranking.net/it/fdating-review/ chat per lesbica denominata GRINDR fa incontri omosessuale in Puglia e invia foto erotiche in chat (a volte manda ritratto erotiche di prossimo spacciandole verso proprie allo obiettivo di muoversi mandare altre scatto).

Le chat

Dal “pace e bene” al “mandami una foto di te asciutto” il cammino e bolla nelle chat tra preti lesbica. Don F. della Bat conversando unitamente un ragazzo padre di altra territorio, avanza un invito. “Si bensi dato che vengo luogo dormo?” e Don F. risponde esatto “Nel mio letto”. “Tu sei pazzo”, la giudizio dell’interlocutore. “L’ospite va trattato utilita. Il Santo caposcuola fausto dice perche l’ospite e Cristo”. All’inizio il tenero sembra un po’ disorientato. “Vabbe nell’eventualita che non vuoi dormire con me ci sono le celle, comunque”. Pero nel giro di poche ore, il garzone si lascia avviarsi “Invitami da te, celebriamo insieme e poi vediamo”. E al momento “Cosa vuoi da me, affiatamento ovverosia solo pulire con la scopa? Ho panico giacche poi mi abbandoni” “E che vuoi, innamorarti?” gli risponde Don F.

Il compagnia della chiacchierata degenera in pochi attimi. “Tu lo vuoi”, “in c*** ciononostante fai sofferenza tu”, e Don F. “Perche dovrei, ci so fare”.

Don F. ne intercetta ed un altro in chat “Tu sei gay”, giudizio “B o”, “Cioe esattamente” gli risponde Don F. e quell’altro “E tu sei invertito?”, Don F. “B o”, “Cioe si”, la eccezione dell’amico sacerdote. In questo momento lo baratto di scatto e pronto. Don F. propone anche una fatto a tre in un dimora isolata e manda all’interlocutore la foto di un altro pio perche sarebbe pronto per interferire al triangolo amorevole.

Papa T. ha un approccio piu morbido “Pace e bene, favore di conoscerti, di se sei?”. “Sei giovane”. “Beh ugualmente tu sei ragazzo” gli risponde l’interlocutore. E davanti di andare verso nanna ecco precisamente le prime richieste spinte “Ero strano di trovare la bandiera”. “E ammainata”, risponde papa T.. Ma alt davvero scarso per comprendere “Davvero vuoi affinche invio scatto?” E poi la battuta affermativa vedete l’immagine tanto ricercata dall’altro prete. Il accompagnamento e superato, iniziano le videochat ove Padre T. si masturba chiedendo all’amico di comporre altrettanto.

Preti gay in chat “Preghiamo, successivamente facciamo una atto a tre?”. In un documentazione ancora religiosi di diocesi pugliesi

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Scroll hacia arriba
¡Llama ya!
Abrir chat